Dopo quanti giorni si entra in chetosi?

La newsletter che non ti manderà SPAM

Iscriviti e riceverai uno sconto del 10% sul tuo primo acquisto.

Dopo quanti giorni si entra in chetosi?

"Non te lo meriti, voglio dire, mangi carboidrati, per l'amor di Dio!". È impossibile dimenticare ciò che Emily dice a Andy in "Il diavolo veste Prada" con un tono a metà tra il depresso e l'invidioso.

Il fatto è che siamo stati tutti un po' Emily nella nostra vita, alle prese con i carboidrati: abbiamo cercato di eliminarli drasticamente dalla nostra dieta per ottenere un risultato rapido... e non sapevamo davvero che, così facendo, stavamo attivando un meccanismo ancestrale di sopravvivenza, la chetosi.

Andare in chetosi era ciò che permetteva agli esseri umani di sopravvivere quando erano nomadi: l'uomo preistorico era abituato a funzionare in uno stato di chetosi, perché quando passavano giorni senza cacciare prede, dovevano usare le loro riserve, cioè il grasso corporeo, come carburante.

Oggi la chetosi è diventata popolare con l'aumento delle diete keto, o chetogeniche, propagandate come il nuovo modo infallibile di perdere peso.

Tuttavia, immaginiamo che l'idea di stare giorni senza mangiare per entrare in chetosi non ti sembri molto allettante. Insomma, se vuoi rientrare nei pantaloni dell'anno scorso ma non vuoi passare attraverso tutta quella sofferenza... noi lo capiamo :)

Probabilmente sai già che la dieta keto comporta l'abbandono di farine e zuccheri, ma sai come entrare in chetosi in modo naturale e sano?

Quanto tempo ci vuole per entrare in chetosi?

Prima cosa: prima di entrare in chetosi è necessario consumare tutto il nostro glicogeno. E quanto tempo ci vuole? La quantità di glicogeno nel corpo è di solito sufficiente per stare uno o due giorni senza mangiare, ma dipende da quanta energia ti serve durante la giornata. Inoltre, non tutti hanno la stessa quantità di glicogeno. Si stima che ogni chilo di peso corporeo contenga 6-7 grammi di questo carboidrato.

È importante capire che entrare in chetosi implica un cambiamento metabolico, e questo può facilmente richiedere 2-3 giorni, anche se si è fisicamente attivi o se si segue la dieta keto alla perfezione.

via GIPHY

È possible entrare in chetosi in 24 ore?

Ecco la domanda da un milione di dollari. Oseremmo dirti che è molto difficile entrare in chetosi in sole 24 ore, ma la verità assoluta è che il discorso è molto soggettivo (chi ha più muscolo, ad esempio ha anche una quantità maggiore di glicogeno nel corpo). Anche il livello di attività fisica e il tipo di dieta keto giocano un ruolo molto importante. Per esempio, sapevi che la percentuale di grasso in una dieta keto può variare tra il 60% e il 90%?

Chiunque ti assicuri che in "X quantità di ore" entrerai in chetosi ti sta mentendo. Secondo un rapporto dell'Associazione spagnola dei dietisti-nutrizionisti, una delle principali caratteristiche delle diete ingannevoli è che garantiscono la perdita di una certa quantità di chili in un certo lasso di tempo o, nel caso della dieta keto, che in un giorno ci si possa trasformare in una macchina brucia grassi.

Cosa significa “entrare in chetosi”?

Un po' di scienza non fa male, vero? In mezzo a tutti i miti alimentari e alle diete di moda, è importante guardare cosa succede veramente quando il nostro corpo va in chetosi.

Il carburante preferito dal tuo corpo, semplicemente perché è il più facile da usare, è il glucosio. Questo zucchero proviene da alimenti ricchi di carboidrati (pane, pasta, riso, patate, zucchero, frutta, dolci). Il glucosio è immagazzinato nei nostri muscoli e nel fegato sotto forma di glicogeno, che non è altro che molte unità di glucosio legate insieme. Per entrare in chetosi, dobbiamo prima consumare tutto il glicogeno e poi possiamo iniziare a "bruciare" i grassi.

La chetosi ha questo nome perché quando il grasso è usato come combustibile, vengono prodotti corpi chetonici, o chetoni, composti che sostituiscono parzialmente il glucosio come fonte di energia per le cellule.

 

via GIPHY

Qual è la dieta per entrare in chetosi in modo sano?

I tempi sono cambiati. Il “se bella vuoi apparire un po’ devi soffire" o la convinzione che per perdere peso bisogna morire di fame o correre dei rischi dovrebbero essere lontani da noi.

Poche persone sanno che la dieta chetogenica in realtà è nata (e di fatto è ancora usata) come trattamento per alcuni tipi di epilessia, come indicato in una pubblicazione dalla sezione di gastroenterologia, epatologia e nutrizione infantile dell'Ospedale Sant Joan de Déu. Ma, siamo onesti, la dieta keto ha guadagnato la sua fama nei media e nei social network per aver “alleggerito"di 10, 15 o chissà quanti chili varie celebrities.

Vuoi perdere peso per sentirti più a tuo agio? Perfetto, ma non a qualsiasi costo. Con questi semplici consigli e l'aiuto del nostro MAGRIFIT KETO puoi entrare in chetosi e seguire una dieta keto in modo sano.

1- Scegli grassi sani: pesce azzurro, avocado, olio EVO, olive basse in sodio, olio di cocco, frutta secca (noci, mandorle, arachidi) e semi.

2- Ricorda che le proteine sono molto importanti perché ci sono aminoacidi (le unità minime che compongono le proteine) che il nostro corpo non può sintetizzare da solo. Carni, uova e formaggi sono una grande opzione.

3- Eliminare i carboidrati è molto più che rinunciare a pane, patate, dolci, pasta e biscotti. Dovresti eliminare la frutta (unica eccezione: i frutti rossi). Lo stesso vale per il latte e lo yogurt, anche se sono scremati.

4- Non è necessario digiunare per entrare in chetosi. Sì, che tu ci creda o no, alcuni pseudo-professionisti propongono un digiuno di 1-3 giorni prima di iniziare la dieta keto.

5- Sii paziente durante i primi giorni o settimane perché, man mano che il tuo metabolismo energetico cambia, potresti avere vertigini, mal di testa e stanchezza. Tale fenomeno è noto come "influenza keto".

6- Assumi prodotti ricchi di MCT (trigliceridi a catena media), che sono grassi che permettono di ottenere energia rapida. Il nostro MAGRIFIT KETO fornisce 1000 mg di MCT da olio di cocco per perla. E ti aiuterà a mantenere i muscoli mentre perdi peso perché contiene HMB (idrossimetilbutirrato). Prendilo sempre a stomaco pieno!

7- Una consulenza con un nutrizionista professionista non fa mai male, soprattutto per insegnarti come progettare un menu vario e sostenere la dieta keto. La monotonia del cibo è il nemico di qualsiasi dieta. Inoltre, andare in chetosi non è raccomandato per le donne incinte, i bambini o le persone con diabete di tipo I.